david spezia david spezia sito ufficiale Tour Letterario
HOME LIBRI AUTORE CONTATTO  

TOUR LETTERARIO "IL VELO DI IRSINA"

 
trasp


I Bottini e la Fontana

19"I Bottini e la Fontana" - Oggi [ "Il Velo di Irsina" pag. 66 ]

L’ingresso era seminascosto dalla vegetazione che ricadeva, incolta, sulla porta di ferro arrugginita. Poco distante, una pavimentazione in pietra, quasi totalmente ricoperta dall’erba, scendeva verso la fontana, seguendo l’andamento leggermente scosceso del terreno. A prima vista, quel luogo somigliava incredibilmente a un anfiteatro semi circolare al quale mancavano soltanto i gradoni per gli spettatori.
Al centro della forma, nella parte più bassa, sorgeva una fontana allungata composta da una grande vasca rettangolare e da un’altra struttura con tredici bocche zampillanti. Il tempo e il degrado avevano logorato alcune sezioni, sgretolandole e permettendo all’acqua di cadere sul terreno che appariva fangoso.
James contò le bocche con l'indice: «Tredici. E di che periodo è questa fontana?».
«Come la vedi ora è del settecento, ma è molto più antica. I primi documenti che parlano di Contrada Fontana, come viene chiamato questo posto, risalgono al millequattrocento. Le gallerie, però, sono molto più antiche. Non si ha una datazione certa. Vieni, entriamo, ho le chiavi» rispose Tonino.

     
trasp
 
David A. R. Spezia - Tutti i diritti riservati
20 19 2 18 17 16 15 14 1 8 11 12 13 4 7 9 5 3 6 10